giovanniminervini

come sogno che ti manca


sospesi in un ricordo, in un rimpianto o spenti tra i rumori attorno, mi accorgo che la gente ha perso la speranza.
è rassegnata, convinta che nulla potrà veramente cambiare e che, al massimo, domani potrà solo essere peggio di oggi.
parlano come se il mondo non gli appartenesse e neppure il futuro, perché nessuno ha più la forza di invertire la rotta, di ritrovare la strada.
In ogni sguardo rimpianti che si addensano nella memoria…
vorrei aver avuto il coraggio di vivere la mia vita, non quella che gli altri si aspettavano da me;
vorrei non aver lavorato tanto;
vorrei aver avuto il coraggio di esprimere i miei sentimenti;
avrei voluto rimanere in contatto con i miei amici;
avrei voluto essere più felice…


napoli, febbraio > dicembre 2014
(immagini tratte dal mio profilo instagram, riprese e modificate usando un telefono cellulare )


loading