giovanniminervini

perì chromáton

quanto diversamente i greci hanno veduto la natura, se siamo costretti a riconoscere che i loro occhi erano ciechi per l’azzurro e il verde, e invece del primo vedevano un bruno più scuro, in luogo del secondo un giallo (giacché designavano con la stessa parola, per esempio, il colore dei capelli bruni, quello del fiordaliso e del mare meridionale, e con la stessa parola il colore delle piante più verdi e della pelle umana, del miele e della resina gialla: sicché, stando alle testimonianze, i loro grandissimi pittori hanno ritratto il loro mondo solo col nero, il bianco, il rosso e il giallo) – quanto diversa e quanto più vicina agli uomini dovette apparire loro la natura, dal momento che ai loro occhi i colori degli uomini erano anche nella natura preponderanti e questa nuotava, per così dire, nell'atmosfera dei colori umani! (azzurro e verde disumanizzano la natura più di ogni altro colore)…

con queste parole friedrich nietzsche denunciava, nell'aforisma 426 di aurora, la ‘cecità cromatica’ dei greci.

epiro, agosto 2014
perì chromáton
perì chromáton
perì chromáton
perì chromáton
perì chromáton
perì chromáton
perì chromáton
perì chromáton
perì chromáton
perì chromáton
perì chromáton
perì chromáton
perì chromáton
perì chromáton

14 images | slideshowhd

loading